Ieri mattina eravamo un paio di dozzine, tutti mischiati. Mamme in attesa, genitori, maestre, medici, nonne. C’era pure un’adolescente accompagnata dal papà. Ci siamo ritrovati, alle otto in punto, nell’asilo nido “L’astronauta”, macchiato di cielo in ogni stanza, con pianeti e nuvole e navicelle spaziali disegnate sui muri. Un saluto veloce e, mentre fuori il quartiere iniziava il suo sabato esplosivo di auto e buste da riempire, a piedi nudi il corso è partito.

Non volava una mosca, le slide colorate e chiare si rincorrevano sullo schermo, le domande erano tante, precise e dirette. Tutti sentivano la necessità di riempire un vuoto, di calmare una paura perché ormai appare chiaro ad ognuno che non sia più possibile ignorare semplici procedure che possono salvare una vita umana; tanto più quando si vive e si lavora con i bambini. Un coffee-break per riprendere fiato e al via con la pratica: quattro isole dislocate dove i nostri medici istruttori spiegano e mostrano il da farsi,  su manichini anatomicamente perfetti perché stampati su calchi umani. Guardiamo le manovre di rianimazione cardiopolmonare mentre c’insegnano ad urlare che ci serve un’ambulanza, ci presentano il defibrillatore e ci spiegano che utilizzarlo è molto più semplice del Bimby ed ha un costo pari ad una borsa griffata in saldo. Che bello! Finalmente mi sento utile e più sicura di poter eventualmente aiutare mia madre sta sicuramente pensando la signora in prima fila. Poi si continua con la Manovra di Heimlich, una tecnica efficace di primo soccorso, necessaria da sola a risolvere in modo rapido tanti casi di soffocamento. La si prova, con il pugno chiuso nell’altra mano. È fighissimo perché c’è un apparecchio che si monta sul petto e che sputa fuori l’oggetto se la manovra è corretta. La spiegazione continua con le manovre di disostruzione delle vie respiratorie per i bambini. La signora col pancione si sente esclusa ma un attimo dopo distende il viso, quando compare dinanzi a lei un manichino bambolotto e le procedure per l’infante. L’atmosfera è seria e tutti gli uditori sanno di avere qualcuno da proteggere. Il tempo è volato, come sempre, quando si fa qualcosa di bello. Si è fatta ora di pranzo. Ognuno corre via tornando alla sua vita, con le tasche piene di speranza e voglia di vivere.

PROSSIMI EVENTI

Giugno 2017
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30

Restiamo in contatto!

(C) 2015 SalvaVita.org

L'accesso, la consultazione e l'utilizzo delle pagine del presente sito web comportano l'accettazione, da parte dell'utente del contenuto del presente Disclaimer.